Metafisica dei tubi

Il libro è un’autobiografia scanzonata e irriverente dei primissimi anni di vita della scrittrice. La scoperta del gusto, del peccato, della potenza e della fascinazione della parola impegnano il tubo-Amélie, apparentemente inerte. In una compulsione di pensieri e metafore l’autrice consegna al Dubbio di tutti i tempi, del nostro tempo, una sola formula corrosiva che condensa irrequietezza e catarsi: “Vivere è rifiutare. Chi accetta ogni cosa non è più vivo dell’orifizio del lavandino”.


Leave a Reply