Occhi di ciumi

Vino bianco frutto di un taglio di carricante, grecanico ed in percentuale minore altri vitigni a bacca bianca.
Le nostre uve sono prodotte da vitigni coltivati nelle contrade etnee. La densità d’impianto è di 6000 ceppi per Ettaro.
La forma di allevamento è la contro spalliera con una potatura a guyot.
Il tutto per facilitare le operazioni colturali svolte manualmente. Il rapporto in percentuale varia di anno in anno a secondo della qualità espressa dai singoli vitigni in quell’anno.
La terra è prevalentemente vulcanica, ricca di minerali e di scheletro.
La raccolta avviene in epoche diverse: l’uva raccolta in cassette, grappolo per grappolo, viene subito diraspata e posta in pressa.
Il mosto si lascia decantare per 24 ore; poi purificato dalle sostanze più grossolane viene fatto fermentare in serbatoi di acciaio con temperature di 16-17° C per circa una settimana ed in seguito svolge la fermentazione malolattica.
Prima dell’arrivo dell’inverno viene fatto il taglio finale che affina per circa sei mesi sul faccino nobile.
Il vino si presenta cristallino giallo paglierino e al naso colpisce la complessità aromatica che lo contraddistingue inizialmente, con sentori floreali intensi e di frutta tropicale. In bocca si presenta fresco, ampio, dotato di una buona sapidità.
Temperatura di servizio: 8-10°C.
Suggerimenti: abbinare a formaggi stagionati, carni bianche, crostacei.

Nome: Occhi di ciumi
Indicazione: Sicilia Indicazione Geografica Tipica
Categoria: bianco
Varietà: Caricante, Grecanico e altri vitigni.
Superficie vitata: 2,5 Ha
Comune di produzione: Randazzo (CT)
Contrada: Feudo S. Anastasia
Densità delle vigne: 6.000 piante per ettaro
Altitudine: 750 metri di altezza
Tipo di suolo: Terreno vulcanico, ricco di struttura
Età delle vigne: da 5 a 15 anni
Resa media: 60 Hl per ettaro
Fertilizzazione: Nessuna
Fermentazione: 8 giorni
Malolattica: indotta, segue la fermentazione alcolica
Produzione: 5000 Bottiglie
Prima annata: 2008
Gradazione alcolica: 12 – 13 % vol.
Capacità di affinamento: 3-5 anni


Leave a Reply